Tag

,

La crescita della produzione lombarda mostra un andamento prevalentemente positivo e le indagini prevedono un ulteriore sviluppo.

I primi mesi del 2017 avevano portato a una crescita del 2,1%, confrontando i dati attuali con quelli dello stesso periodo del 2016 continuano a palesarsi incrementi positivi pari al +2,5% per la produzione, al +3,9% per gli ordini interni, al +5,8% per gli ordini esterni e al +4,5% per il fatturato dell’industria locale.
I dati sopra indicati rappresentano una base solida per diffondere ottimismo presso le imprese: il 56% degli imprenditori lombardi non si aspetta nessuna variazione stabile.
Lo stato di ottima salute di cui gode l’economia lombarda in questo momento ha coinvolto in modo trasversale tutta la regione, tutte le dimensioni d’impresa e quasi tutti i settori.
Cogefim riporta di seguito le parole di Gian Domenico Auricchio, presidente di Unioncamere Lombardia: “[…] dal punto di vista settoriale, la crescita della produzione mostra dinamiche prevalentemente positive, […] i settori con una crescita più spiccata sono le pelli-calzature (+4,5%), la siderurgia (+4,4%) e la gomma-plastica (+4,0%)”.
Perfettamente in linea con l’andamento del resto dell’economia lombarda si posiziona il mondo dell’artigianato che gode di ottima salute.
La media regionale della produzione industriale si attesta sui +2,5%, ma ben quattro province lombarde si posizionano al di sopra: Lecco (+5,3%), Cremona (+4,3%),Varese (+4) e Brescia (+3,9%).
Questo stato di benessere ha ottimi effetti sull’occupazione che infatti sta ricominciando con costanza a crescere. Determinante per questo fattore è sicuramente il Piano Nazionale Industria 4.0, che in base alle intenzioni del ministro Calenda dovrebbe essere prolungato per gli anni a seguire.
Dall’anno prossimo la Lombardia diverrà sede del World manufacturing forum e quindi ricoprirà un ruolo di forte rilievo su scala mondiale. Questa decisione è stata presa anche a fronte delle ottime e promettenti prospettive di crescita della regione. L’indagine congiunturale di Confindustria Lombardia e Unioncamere ha infatti stimato la seguente crescita del Pil: +1,4% nel 2017, +1,3% nel 2018, +1,1% nel 2019 e infine +1,3% nel 2020.