Tag

,

Il comparto ha un ruolo fondamentale per l’economia italiana e per i Paesi Industrializzati grazie al valore aggiunto e allo scambio internazionale.

I dati Cerved analizzano il settore metallurgico negli ultimi tre anni, nel 2015 il fatturato era pari a 43,4 miliardi +3,7% rispetto all’anno precedente, mentre il margine operativo lordo del 2015 si aggirava attorno a 2,9 miliardi (+12,7% rispetto al 2014). Sull’andamento dell’anno in corso si sofferma la ricerca dell’Istat che nello specifico prende in considerazione il mese di febbraio: +1,0% della produzione rispetto al febbraio 2016, +8,6% del fatturato rispetto al febbraio 2016, +6,7% delle esportazioni in area Euro e un +7,4% per l’area Non Euro. Altri dati elaborati da Cerved si concentrano sulla presenza in Italia di 3.759 aziende operative e 2.190 società di capitale. L’innovazione attraverso la ricerca è il trampolino di lancio per la produttività del comparto preso in esame, che stabilizza la bilancia commerciale italiana. Nello specifico l’analisi si sofferma su un sotto comparto del metallurgico quale la siderurgia, che tratta i minerali con un elevato contenuto di ferro e li elabora al fine di ottenere le leghe derivanti dal ferro come l’acciaio e la ghisa, risulta essere in continua espansione. Infatti nel 2016 l’area siderurgica ha registrato: 17,669 milioni di tonnellate esportate, con un incremento dell’8,7% rispetto all’anno precedente e 12,568 milioni di tonnellate di Export verso i Paesi dell’UE, con un miglioramento del 13,4% rispetto al 2015. Infine a febbraio del 2017 la produzione del sotto comparto si attesta a 1,973 milioni di tonnellate con un incremento dell’1,2% rispetto al febbraio 2016.